Nel corso della storia geologica, il mondo ha vissuto periodi freddi e caldi conosciuti come ere glaciali e periodi interglaciali. Questi cambiamenti naturali sono in gran parte dovuti alle variazioni dell’orbita terrestre intorno al Sole, che colpisce la quantità di luce solare che raggiunge la superficie terrestre.

Tuttavia, gli scienziati hanno scoperto che il nostro pianeta si sta riscaldando ad un ritmo rapido, in un breve periodo di tempo. Questa situazione crea il caos con il nostro sistema climatico e con l’ambiente naturale.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Meteorologia, gli anni 2010, 2005 e 1998 sono classificati come i più caldi mai registrati dall’inizio delle rilevazioni nel 1888. Secondo le Nazioni Unite la temperatura globale aumenterà entro la fine del secolo, tra 1,1 ° C e 6,4 ° C. Un aumento di 6,4 ° C avrà un impatto devastante sul nostro pianeta e su tutta la vita dell’umanità.

La scienza del riscaldamento globale – L’effetto serra naturale

La nostra atmosfera permette alla radiazione infrarossa del Sole di raggiungere la superficie terrestre e riscaldarla. Una parte della radiazione è assorbita mentre un’altra parte rimbalza sulla superficie terrestre e nell’atmosfera.

In natura l’atmosfera è anche composta da gas serra come anidride carbonica, vapore acqueo, il protossido di azoto, metano e altri gas. Si crea così una sorta di coperta che intrappola la radiazione infrarossa. Questo stato di cose mantiene temperature medie di circa 15 ° C sulla superficie della Terra. L’aumento dei gas ad effetto serra comporta più calore che viene intrappolato sulla superficie del pianeta.

L’origine antropica dell’effetto serra e del riscaldamento globale

Gli scienziati hanno esaminato una serie di cause potenziali di riscaldamento globale in corso, compresi gli effetti del Sole, vulcani, vapore acqueo e aerosol. Difatti, hanno scoperto che la maggiore concentrazione di gas serra nell’atmosfera è il risultato dell’attività umana. Bruciare combustibili fossili (carbone e petrolio) sta rapidamente cambiando l’equilibrio di biossido di carbonio della nostra atmosfera.

Un esempio di impatto del riscaldamento globale – scioglimento dei ghiacci dell’Artico

Quando la Terra si riscalda si può verificare una serie di reazioni a catena che decuplicano l’effetto serra. Questa situazione accelera il processo di riscaldamento globale, causando cambiamenti irreversibili.

Per esempio, il ghiaccio polare riflette la luce solare lontano dalla Terra. Quando il ghiaccio si scioglie (e per il ghiaccio del mare Artico si prevede che sarà completamente scomparso durante i mesi estivi già nel 2020), inevitabilmente verrà assorbito più calore dalla crosta terrestre. Quando il calore viene assorbito si sprigiona parte del metano intrappolato (effetto a catena), si accelererà il processo di l’essiccazione foreste e gli oceani, anch’essi più caldi, sprigioneranno essi stessi i loro depositi di CO2. Tutti questi cambiamenti aumentano ulteriormente gli impatti dannosi dell’effetto serra.

Pubblicato mercoledì 06 giugno 2012 da Staff Progema